Questo dinosauro visse tra 102 e 94 milioni di anni fa, nel Cretacico inferiore, in un’area che copriva quasi totalmente il Nordafrica.

Secondo le recenti classificazioni, i Carcharodontosauridae (tra cui Carcharodontosaurus saharicus, Giganotosaurus carolinii e, forse, Acrocanthosaurus atokensis) sono un cosiddetto “gruppo monofiletico”, e hanno antenati in comune sia con gli Allosauridi che con i Teropodi aviani.

Carcharodontosaurus

All’epoca questa parte dell’Africa non era occupata dal deserto del Sahara come ai nostri giorni,

Banner maglietta papà 336x280 PA01

ma da enormi piane alluvionali e paludose simili a quelle del Nord America e dell’Asia Centrale dello stesso periodo.

Alto 2 metri e pesante circa 27 chilogrammi, Coelophysis è stato uno dei primi dinosauri a comparire nel Triassico.

Coelophysis aveva una struttura leggera e agile, adatta per la velocità, e si spostava rapidamente sui 2 arti posteriori lunghi e magri.

Gli arti anteriori, lunghi circa un terzo dei posteriori, terminavano con 4 dita, di cui 3 artigliate.

Piccoli animali come lucertole, anfibi e insetti erano le vittime più comuni di Coelophysis, che in branco era in grado di uccidere anche una preda di grandi dimensioni.

Gli occhi erano grandi, il collo lungo e flessibile e i denti piccoli, numerosi, aguzzi e seghettati.

Nel 1947 un gruppo di ricercatori guidati dal paleontologo Edwin Colbert rinvenne nel New Mexico (Stati Uniti)

centinaia di scheletri di questo animale di età e dimensioni differenti,

adagiati gli uni sugli altri, probabilmente un branco sorpreso da un’improvvisa e violenta inondazione.

NOME ITALIANO: Coelophysis

LUNGHEZZA: 3 m

PERIODO: Triassico

DISTRIBUZIONE: America Settentrionale

PHYLUM: Cordati

CLASSE: Dinosauri

ORDINE: Saurischi

FAMIGLIA: Coelophysidae

 

>>>> Guarda altri dinosauri

Banner-728x90-grafica-PA03